AVVISO PUBBLICO PER AGGIORNAMENTO PIANO DELLA CORRUZIONE E DELLA TRASPARENZA TRIENNIO 2018-2020

La legge 6 novembre 2012 n. 190, concernente Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e della illegalità nella pubblica amministrazione, entrata in vigore il 28/11/2012, prevede che tutte le pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1 c.2 del D.Lgs. 165/2001 provvedano ad adottare il Piano triennale di prevenzione della corruzione ed il Programma triennale per la trasparenza soggetto ad aggiornamento annuale entro il termine del 31 gennaio di ogni anno.

Chiunque abbia interesse potrà presentare eventuali osservazioni e/o proposte relative ai contenuti del Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza da far pervenire, tassativamente entro e non oltre il giorno 29 gennaio 2018, a mezzo pec o a mezzo posta ordinaria da trasmettere allattenzione del Responsabile della prevenzione della corruzione.

 

testo completo dell'avviso

bozza del bando 2018 2020

 
B.E.F. – Borsa Esperienza Formativa

B.E.F. – Borsa Esperienza Formativa

Misure di inclusione sociale – sostegno al reddito

Legge 328/2000 - Piano di Zona “Programmazione 2013/2015”

Descrizione dell’azione

L’azione progettuale prevede interventi di esperienza formativa, ed aiuti alla persona per l’inserimento sociale di soggetti in stato di svantaggio economico/sociale, attraverso l’espletamento di servizi di pubblica utilità presso Enti Pubblici e/o Privato Sociale no-profit (Terzo Settore) che ne abbiano evidenziato la disponibilità all’accoglienza.

Target

  • Soggetti residenti nel Comune , di ambo i sessi, in situazione di svantaggio economico/sociale, al minimo vitale, ancora in età lavorativa, con una riserva di posti complessiva del 10% a soggetti

  • affetti da patologia psichiatrica, la cui ammissione è subordinata alla valutazione di idoneità da parte del Centro di Salute Mentale competente per territorio;

  • in esecuzione penale esterna al minimo del reddito vitale, segnalati dall’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di

    Caltanissetta e con la presentazione dell’istanza da parte dell’interessato;

    Contenuto della Borsa

  • La Borsa Esperienza/Formativa mette in atto un’esperienza, presso Enti Pubblici e Soggetti del Terzo Settore disponibili, dalla durata di un mese,

    con la corresponsione di un incentivo pari ad € 500,00 lorde, somma decurtata dagli oneri assicurativi, polizza RCT e quant’altro necessario ai sensi di legge ivi compresa gli oneri della sicurezza.

Attività/Tempistica

  • Attività - L’espletamento della “Borsa” avverrà attraverso lo svolgimento di attività socialmente utile (manutenzione, custodia di parchi, ville, pulizia locali, ecc) espletate con diligenza e accuratezza. L’attività sarà monitorata dal Responsabile del Progetto e dal Tutor dell’Ente di

    Accoglienza;

  • Tempistica – la “Borsa” ha la durata di n° 1 mese, per n° 40 ore mensili di prestazioni di esperienza/formativa, distribuite orientativamente in n° 10 ore settimanali.

    Non verrà corrisposto nessun rimborso se il beneficiario non abbia completato le n° 40 ore mensili previste.

Borse disponibili per il Comune di Montedoro N. 31

-

  1. Assenza di reddito o reddito ( sommatoria dei redditi dei componenti del nucleo) rilevato dall’Attestazione ISEE, non superiore all’importo annuo del trattamento minimo di pensione INPS per i lavoratori dipendenti ( per l’anno 2016 di € 501,89) adeguato, ove spettante, alle misure fissate dallo art. 38 della Legge n. 488/2001, maggiorato (D.A. n. 867/S7):

    • del 50% nel caso in cui il soggetto richiedente è unico componente il nucleo familiare; ü

    • del 100% nel caso di due componenti;

    • dell'ulteriore 35% per ogni componente minore od adulto oltre il secondo;

  2. Patrimonio mobiliare del nucleo al netto della franchigia non superiore ad € 10.000,00;

  3. Patrimonio immobiliare del Nucleo Familiare:

    • possesso della casa di abitazione e/o particelle indivise di proprietà;

      4) Assenza di altri strumenti di sostegno al reddito del nucleo familiare, nell’anno di riferimento del progetto ( contributi Economici, Carta Servizi,

      SIA, ect….)

Documentazione per la presentazione dell’istanza

Certificato ISEE con l’allegata Dichiarazione Sostitutiva Unica in corso di validità del nucleo familiare di riferimento; Copia documento di riconoscimento e Codice Fiscale;

In aggiunta, per l’accesso alla riserva dei posti del 10%

- Per i soggetti affetti da patologia psichiatrica:

  • Documento attestante la regolare iscrizione nelle liste speciali di collocamento (L.N.68/99) al fine della verifica dell’idoneità a potere espletare la Borsa Esperienza Formativa;

  • Documento di invalidità attestante la patologia psichiatrica; -Per i soggetti in esecuzione penale esterna:

  • Segnalazione da parte del UEPE che provvederà alla compilazione dell’istanza, sottoscritta

    dall’interessato/beneficiario, e inoltrata ai Comuni di residenza del medesimo.

     

Documentazione Richiesta (da allegare all’istanza ) ai fini dell’attribuzione dei punteggi

  • Nel caso di casa in affitto: Contratto di Locazione regolarmente registrato e ricevuta della tassa di registrazione dell’anno in corso;

  • Nel caso di locazione di alloggio popolare: copia della ricevuta di pagamento;

  • Certificazione rilasciata dalla Commissione Medica attestante l’invalidità non inferiore al 74%, (Posseduta da un componente il nucleo familiare compreso il richiedente);

  • Certificazione rilasciata dalla Commissione Medica attestante il possesso della disabilità grave, L. 104/92 art. 3, comma 3, (Posseduta da un componente il nucleo familiare compreso il richiedente);

  • Certificato di detenzione o equipollente nel caso di presenza, tra i componenti il nucleo familiare, di persone detenute;

  • Certificazione rilasciata dal Sert per la presenza di soggetti, facenti parte il nucleo familiare, in carico al medesimo;

     

Valutazione delle istanze e Formulazione della Graduatoria

Verranno formulate n° 3 Graduatorie distinte – Graduatoria “A” : Disagio economico/sociale; Graduatoria “B”: Soggetti affetti da patologia psichiatrica; Graduatoria “C” : Soggetti in esecuzione penale esterna

Il Comune1 provvederà all’istruttoria delle istanze accertandone la presenza dei requisiti e condizione di ammissibilità e formulando la graduatoria in ordine crescente di reddito. A parità di reddito precederà in graduatoria il soggetto con il maggior “punteggio” attribuitoPunteggi:

Saranno attribuiti i sotto indicati punteggi:

  • Punti 3 per ogni minore;

  • Punti 1 per ogni componente maggiorenne;

  • Punti 2 per accertato Handicap grave all’interno del nucleo familiare (L. 104/92 art. 3 Comma 3), Posseduto da un componente il nucleo familiare compreso il richiedente);

  • Punti 1 per accertata invalidità superiore al 74%, (Posseduta da un componente il nucleo familiare compreso il richiedente);

  • Punti 2 per la presenza nel nucleo familiare di persone in carico al SERT;

  • Punti 2 per la presenza nel nucleo familiare di componenti in stato di detenzione;

  • Punti 1 per alloggio non di proprietà;

    *L’ammissione dei beneficiari con disabilità psichica è subordinata alla valutazione di idoneità ad espletare un percorso formativo/lavorativo, da parte delCentro di Salute Mentale competete per territorio. Ciascun Comune del Distretto n. 11 trasmetterà al D.S.M. le copie delle istanze dei beneficiari “ammessi” per la valutazione dell’idoneità.

    * Il punteggio totale attribuito è suscettibile di variazione in difetto. Nello specifico:

  • Diminuzione di n. 1 Punti per il percettore dell’indennità di accompagnamento ( cumulabile);

  • Diminuzione di n. 1 Punti per il percettore dell’assegno di mantenimento del valore pari all’indennità di Accompagnamento (cumulabile).

Termine ultimo di presentazione dell’istanza

Le domande di richiesta, su apposito modello da richiedere all’Ufficio dei Servizi Social, dovranno pervenire all’Ufficio Protocollo entro il 15/01/2018

Per qualsiasi informazione e per la compilazione dell’istanza di richiesta rivolgersi all’Ufficio dei Servizi Sociali del Comune

 
Una Scelta In Comune

 
Casa dell'acqua 2014-2017

 
ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE 2017

COMUNE DI MONTEDORO
Ufficio Servizi Sociali
ASSEGNO AI NUCLEI FAMILIARI 2017

Contributo annuale ai sensi dell’art. 65, comma 4, della legge 23 dicembre 1998, n. 448 e s.m.i.

REQUISITI DEL GENITORE RICHIEDENTE:

1. famiglia composta da almeno tre figli minori;

2. uno fra i sottoelencati status di cittadinanza:

Italiana

Comunitaria

Extracomunitaria ai sensi della Legge europea 97/2013;

3. residenza nel Comune di Montedoro;

4. valore dell’indicatore della situazione economica equivalente - per nucleo composto da cinque persone - pari a €. 8.555,99 (per nuclei familiari con diversa composizione, il requisito economico viene riparametrato, in fase istruttoria, sulla base della scala di equivalenza prevista dal D.P.C.M. 5 dicembre, n. 159).

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Entro il 31 Gennaio 2018 tramite:

- CONSEGNA BREVI MANI ALL’UFFICIO PROTOCOLLO DEL COMUNE DI MONTEDORO;

- SPEDIZIONE POSTALE (COMUNE DI MONTEDORO – Piazza Umberto I°,2 - 93010 MONTEDORO);

Allegare l’attestazione ISE, la DSU e, in caso di cittadinanza extracomunitaria, copia del permesso di soggiorno come descritto dalla Legge 97/2013 e s.m.i. (permesso di soggiorno di lungo periodo – CE);

- Per effetto del D.L. 201/2011, ai fini dell’erogazione di importi superiori a € 1.000,00 è necessario indicare, negli appositi spazi in domanda, le coordinate del c/c bancario o postale, di cui la/il richiedente deve essere titolare.

I moduli e le informazioni sono acquisibili dal sito: www.comune.montedoro.cl.it

Per informazioni di approfondimento è possibile consultare anche il sito INPS: https://servizi2.inps.it/servizi/PrestazioniSocialiNET/Views/Generali.aspx

 

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

( Onofrio Salvo )

(Firma autografa sostituita a mezzo stampa

ai sensi dell’art.3, comma 2 del D.Lgs n.39/1993)

Per scaricare il modello dell'istanza clicca QUI

 
PROGETTO AFFIDO ETERO FAMILIARE "ACCOGLI UN BAMBINO"

 
AVVISO TARI

Si comunica che con deliberazione del consiglio comunale n. 8 del 2 maggio 2017

sono state confermate, per l'anno 2017, le tariffe TARI già in vigore per l'anno precedente

ai sensi del comma 169, art. 1 della Legge 296/2006.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2